5 consigli per evitare una crisi di coppia dopo l'arrivo di un figlio

"Un figlio è come una bomba a mano. Quando nasce, provoca un'esplosione nella vostra vita e, quando la polvere si posa, il vostro matrimonio è diverso da com'era prima. Non necessariamente migliore, non necessariamente peggiore, ma diverso."  - Nora Ephron

E' proprio vero, l'arrivo di un figlio provoca un maremoto di cambiamenti all'interno della coppia, i quali possono migliorare o peggiorare il rapporto.
Negli anni successivi alla nascita del bambino, circa il 70% delle mogli sperimenta un calo della soddisfazione del matrimonio. Le motivazioni sono diverse: la mancanza di sonno, mancanza di sufficiente apprezzamento, la responsabilità di occuparsi di una creatura piccola ed indifesa, il doversi dividere tra il lavoro e la famiglia, la mancanza di tempo per se stesse.
Tuttavia, ci sono delle madri che dichiarano un netto miglioramento del loro matrimonio in seguito alla nascita del primo figlio. 
Fortuna?
A quanto pare, il benessere della coppia in seguito alla nascita del primo figlio, non dipende tanto dal fatto che il bambino dorma bene o meno o che si allatti al seno o con il biberon, bensì ha a che fare con il modo in cui il marito vive la trasformazione di sua moglie
Mi spiego meglio.
Dipende se il marito diventa genitore insieme alla moglie oppure se si lascia sopraffare dagli eventi.
L'arrivo di un bambino provoca una metamorfosi nella madre, la quale non ha mai provato un amore così profondo, tanto da scaturire un nuovo senso della propria vita. L'esperienza è talmente sconvolgente che se il papà non segue la madre, passo dopo passo, inevitabilmente si creerà una distanza fra loro.




5 CONSIGLI PER EVITARE LA CRISI DI COPPIA DOPO L'ARRIVO DI UN FIGLIO

Per evitare che la coppia dopo l'arrivo di un figlio,  è importante che il marito, invece di desiderare che sua moglie torni quella di un tempo (idea quasi irrealizzabile), la segua in questa nuova avventura in cui non si è più solo una coppia ma si è anche genitori. Quando i mariti compiono questo passo, non percepiscono più il figlio come un "rivale" che gli ha portato via la sua amata moglie, bensì come un dono prezioso che completa e arricchisce la coppia. L'uomo non si sente più solo un marito, ma anche un padre, che prova orgoglio e tenerezza, proteggendo quella piccola creatura che è frutto del loro amore.

Diverse volte vi parlo di quanto sia importante ritagliarsi del tempo, non solo per se stesse, ma anche per la coppia. Nonostante questo faccia molto bene alla vita matrimoniale, alcune si sentono giudicati da critiche esterne, come se stessero facendo qualcosa di sbagliato, facendoli apparire come degli "egoisti" e "menefreghisti", giudizi che spesso e volentieri stressano la coppia. 

Vediamo insieme alcuni consigli, che spero possano aiutarvi a rimanere uniti dopo l'arrivo del vostro bebè.

1. CONOSCENZA PROFONDA

Prima dell'arrivo di vostro figlio, assicuratevi di conoscere bene il mondo interiore vostro partner. Siete una squadra e come tale dovrete diventare sempre più, in questo modo il passaggio da solo coppia a coppia genitoriale avverrà senza intoppi. Se un marito conosce bene sua moglie, sarà sintonizzato con lei nel momento in cui diventerà madre e sarà pronto ad iniziare questa nuova avventura insieme a lei.

2. IL PAPA' DEVE ESSERE COINVOLTO

Vi parlo spesso di quanto sia importante coinvolgere i papà sia durante la gravidanza che nella cura del bambino. A volte noi mamme, prese dall'entusiasmo, tendiamo a fare tutto da sole e quando lasciamo fare qualcosa anche ai papà, stiamo lì a controllare che tutto vada secondo i nostri piani e se così non fosse siamo subito pronte e rimproverarli. 
Cosa fare?
Noi mamme dobbiamo essere un appoggio, esistono diversi modi di cambiare un pannolino o di fare il bagnetto, e se il papà lo fa in un modo diverso dal nostro, lasciamoglielo fare come lui desidera, in fin dei conti è anche figlio suo no?!



3. IL PAPA' E' IL COMPAGNO DI GIOCHI PER ECCELLENZA

Alcuni uomini non vedo l'ora che il piccolo diventi grande, così da poter giocare insieme. Ciò accade agli uomini che tendenzialmente non si prendono cura dei propri figli, pertanto impiegano molto più tempo a legare con i propri figli. E' bene, invece, coinvolgere il padre nella cura del bambino e fargli capire che non sono dei "bambolotti" intoccabili, che sanno solo piangere, dormire e mangiare, ma sono ben altro. I padri che si occuperanno dei propri figli fin dalla nascita, noteranno anche i progressi più semplici fin dalle prime settimane, come il sorridere, la capacità di seguire i movimenti con gli occhi, e scopriranno che nonostante siano così piccolo già è possibile giocare e divertirsi con loro. Solo in questo modo anche i papà scopriranno che ricoprono anche loro un ruolo importantissimo.

4. RITAGLIATEVI DEL TEMPO PER VOI

Ritagliarsi del tempo per se stessi è molto importante, che sia una serata al mese o due, che sia un week-end fuori porta, l'importante è concedersi qualche ora da soli. E anche se per la maggior parte del tempo parlerete dei progressi di vostro figlio, sappiate che questo è un bene, perché vostro figlio è parte integrante della vostra coppia.




5. SIATE SENSIBILI ALLE NECESSITA' DEL PARTNER

Anche se il papà è un ottimo compagno di giochi e comprende le priorità e necessità del bambino, potrebbe comunque sentire la mancanza della sua compagna di vita. Perciò è importante che la moglie riconosca la fatica e le rinunce del marito e gli faccia sapere quanto sia importante il suo aiuto.
Al tempo stesso è bene che il marito riconosca la fatica quotidiana che la moglie vive. Nonostante l'arrivo di un figlio sia bellissimo così come vederlo crescere, è molto facile che la madre si senta stanca. Perciò è bene che il marito, possa sostenere ed aiutare la moglie nelle faccende domestiche e nella cura del bambino, in modo tale che possa riposarsi un po' e fare il pieno di energie.

Le coppie che seguiranno questi consigli, noteranno una maggiore complicità ed intimità nel proprio rapporto e scopriranno che l'essere genitori non è un ostacolo ad alla vita di coppia, bensì è una ricchezza.


Altri articoli che potrebbero interessarti:



Nessun commento:

Posta un commento