Mamma, Babbo Natale esiste? Vi racconto perché è normale che i bambini credano in Babbo Natale

Ricordo ancora la magia dell'attesa del caro Babbo Natale. Lo ricordo talmente bene che mi sembra di rivedere mia madre che mi rimbocca le coperte mentre io le chiedo fra quanto arriverà Babbo Natale, lei con molta dolcezza mi risponde che non appena mi sarò addormentata lui passerà. Poi le chiedo "Mamma ma come farà ad entrare se non abbiamo neanche un camino?", lei sorride e mi risponde "passando dalla fessura della porta". Allora io la invito ad andare a dormire presto con papà, così Babbo Natale vedrà che tutti stanno dormendo e passerà prima a portare i regali.
Ripensandoci adesso quasi mi commuovo della magia che i genitori regalano ogni anno ai propri bambini. 

Verso i nove anni scoprì la triste realtà, l'inesistenza del caro Babbo Natale, tuttavia non fu traumatico anzi fu una scoperta del tutto naturale. I miei genitori mi spiegarono che Babbo Natale non esiste e che sono loro a portarmi i regali.
Beh devo dire che inizialmente ero molto scettica ed incredula, dove caspita nascondevano i miei regali in una casa di 70 mq??!
Dopo qualche anno scoprì che la complice di tutto questo era la mia vicina di casa.



Tuttavia Babbo Natale rimane una figura controversa tra molti scienziati e genitori.  Diversi libri affermano che la leggenda di Babbo Natale faccia male ai bambini.

In pratica sembrerebbe che raccontare ai bambini l'esistenza di una figura magica che consegna regali ai bambini di tutto il mondo, essendo una bugia - seppur sostenuta da buone intenzioni - resta tale ma ad un certo punto si "rivelerà" nel corso dello sviluppo del bambino. 
Secondo questa teoria, per un bambino conoscere la verità può rivelarsi traumatico, proiettando così il messaggio che i bambini non si possono fidare di ciò che i genitori raccontano. 

 Eppure la ricerca sul tema suggerisce che i bambini tendono a capire da soli la verità su Babbo Natale verso i sette anni. Difatti nella maggior parte dei casi, quasi nessun genitore si ritrova a dover confessare vergognosamente la verità ai loro bambini singhiozzanti e delusi, anzi le loro reazioni generalmente sono positive.


CHE RUOLO HA LA FANTASIA NELLO SVILUPPO DEI BAMBINI?

La fantasia in generale è un parte normale e sana dello sviluppo del bambino. I bambini trascorrono molto tempo a fingere, specialmente tra i cinque e gli otto anni, basti pensare all'invenzione di alcune dinamiche nel gioco o all'amico immaginario. Inoltre non dimentichiamoci che nella gran parte dei cartoni animati si vedono animali parlanti, pupazzi di neve cantare, persone volare, non sono anch'essi "bugie"?
Il pensiero magico diminuisce tra i sette e i nove anni, più o meno la stessa età in cui la maggior parte di noi scopre la verità sul mito di Babbo Natale, ma non scompare del tutto perché anche noi adulti abbiamo bisogno di un po' di magia nella nostra vita.



COME IMPARANO I BAMBINI A DISTINGUERE LA REALTA' DALLA FANTASIA?

In generale fanno affidamento su ciò che gli altri gli dicono, ovvero si basano sulle testimonianze dei piccoli amici e degli adulti, e su prove concrete che vanno a sostenere se qualcosa è accaduto realmente oppure no.

Ad esempio se un bambino vede che Babbo Natale ha mangiato i biscotti e bevuto un po' di latte, è stato veramente lui a portare i regali. Oppure, pensiamo alla fatina che porta un regalino per ogni dente caduto, o alla famosa Santa Lucia che alcune città del Nord Italia festeggiano.
Ad un certo punto i bambini inizieranno a notare che le testimonianze dei piccoli amici e le prove che fino a ieri sostenevano l'esistenza di Babbo Natale, vanno in contraddizione mettendo così in discussione tutte le vecchie prove, ed il bambino inizierà a cercarne di nuove fino a quando scoprirà che in realtà Babbo Natale non è reale. 

Personalmente porto nel mio cuore dei bellissimi ricordi legati alla figura di Babbo Natale, la trepidante attesa dell'arrivo dei regali, l'emozione nello scrivere la letterina in cucina con mia madre. Non ho mai perso la magia del Natale, ma oggi con Pietro è tornata ad essere ancora più viva ed entusiasmante. 

Anche noi adulti abbiamo bisogno di un po' di magia, perciò godiamoci la magia del Natale in compagnia dei nostri piccoli senza turbamenti, scegliendo come festeggiarlo.


Nessun commento:

Posta un commento