7 cose da non dire MAI ad una donna incinta

by - mercoledì, marzo 08, 2017



In questi sette mesi di gravidanza ne ho sentite di cotte e di crude, domande di ogni tipo dalle più scontate alle più inopportune, e a volte rispondere in modo garbato e carino è davvero difficile e per questo potremmo risultare scorbutiche, intrattabili e suscettibili - non date la colpa ai nostri ormoni - ma basterebbe un po' più di tatto e delicatezza per non risultare invadenti ed essere inseriti direttamente nella "black-list" della futura mamma.

Ecco una piccola check-list delle cose da non dire MAI ad una donna in dolce attesa

1. Mi raccomando riposati e non ti affaticare!
E chi la pulisce casa? Chi carica le lavatrici? Chi stira? Chi cucina? Se vieni tu io mi riposo molto volentieri!

2. Dormi adesso che poi non dormirai più! 
Ma perché se dormo più ore durante il giorno le accumulo e poi posso non dormire per due anni di fila?!

3. Beata te che adesso puoi mangiare per due, mi raccomando fallo mangiare così viene bello.
Mangiare per due?! Ditelo alla mia ginecologa e vediamo cosa vi risponde. Fosse per me mangerei quintali di pizza ogni due ore, con il rischio di diventare un enorme muffin e partorire un vitello grasso, non un bambino!

4. Oddio è un nome antico, potevate scegliere un nome più originale e comune.
 Vi ringraziamo per il consiglio ma... rifiutiamo l'offerta e andiamo avanti!

5.  Posso toccare la pancia?
Ehm... ci conosciamo?! Chiedere di toccare la pancia può risultare, a volte, davvero inopportuno soprattutto se non c'è una certa confidenza!

6. Ma lo avete desiderato oppure è stato un incidente?
Questa domanda la trovo davvero intima e poco delicata. Penso che nessuno dovrebbe porre una domanda simile ad una coppia in attesa.

7. Racconti horror sul parto.
Perché mai dovreste raccontare il vostro travaglio, quanti punti vi hanno messo, il dolore lancinante delle doglie, ad una giovane mamma in dolce attesa che già vive in ansia? Ricordatevi che ogni gravidanza è differente e che ognuna ha una soglia del dolore differente, che ogni parto è diverso dall'altro. Raccontate la vostra esperienza ma cercate di non andare nel dettaglio, piuttosto condividete l'emozione del vedere nascere il proprio bambino, del tenerlo in braccio e tornare a casa tutti insieme.


Queste sono state le domande più frequenti in questi sette mesi di gravidanza, a cui avrei voluto rispondere - a volte - in modo molto sgarbato ma ho preferito la buona educazione.
Mamme in ascolto ne avete altre da aggiungere alla lista?


You May Also Like

0 commenti