7 consigli su come organizzare un matrimonio low-cost

by - venerdì, dicembre 18, 2015

Torniamo con i nostri articoli dedicati al matrimonio low-cost, ed oggi vogliamo donarvi alcuni consigli  su come poter risparmiare sul budget delle nozze, prestando attenzione ad alcuni dettagli che fanno la differenza. Sposarsi in tempo di crisi, nonostante i politici parlino di un miglioramento della nostra economia, sembrerebbe un lusso per pochi, in realtà non è così!
Il classico matrimonio da circa 100 invitati può arrivare a costare (udite, udite) fino a 59.000 euro! Ecco già vedo le vostre facce incollate allo schermo, che assumo espressioni di stupore e meraviglia e intanto starete pensato "ma cosa cavolo avranno mai organizzato questi due?". Ebbene sì, le cifre per un tradizionale matrimonio all'italiana, in perfetto stile "Boss delle cerimonie", sono da capogiro. Tuttavia, vi possiamo garantire, che è possibile organizzare un matrimonio low-cost senza rinunciare ad eleganza, stile ed originalità.

Dal momento che anche noi stiamo organizzando un matrimonio low-cost (con lo sponsor) e sono previsti ben 220 invitati, siamo qui per indicarvi alcune "chicche" per organizzare un matrimonio low-cost da favola.

Scegliere la data del matrimonio

Sposarsi in bassa stagione sarebbe l'ideale, specie se si vuole organizzare un matrimonio low-cost. Evitate il periodo che va da aprile a settembre, quando la richiesta è tanta ed i prezzi salgo sempre più alle stelle. Avreste mai immaginato di poter organizzare il vostro matrimonio nei toni caldi dell'autunno o in perfetto stile natalizio? Se ancora non avete scelto la vostra data fateci un pensiero, perché oltre alle atmosfere calde dell'autunno e magiche del Natale, le tariffe sono più vantaggiose e sicuramente ci sarà una maggiore disponibilità delle location. Prediligete i giorni infrasettimanali ai week-end scegliendo la cena, sicuramente meno "impegnativa" rispetto al pranzo nuziale.
A questo punto potremmo sembrare degli ipocriti ma noi abbiamo fatto l'esatto contrario!
Ci sposeremo il 16 Luglio, in piena estate, di sabato e chiaramente abbiamo scelto il pranzo alla cena. Ma perché? Innanzitutto perché il 16 Luglio è una data significativa per noi, per la nostra vita di coppia, perciò non abbiamo scelto la data in base alla disponibilità della Chiesa e né del ristorante. La data è stata la prima scelta in assoluto, poi tutto il resto si doveva adattare ad essa! Abbiamo scelto il sabato (o meglio siamo stati fortunati perché capitava di sabato) per poter dar modo a tutti gli invitati di partecipare (anche ai parenti che arrivano dalla Calabria!). Sulla scelta del pranzo o della cena, invece, è stata dettata dagli orari della Celebrazione della Messa e quindi dalla disponibilità della Chiesa, perciò alla fine, nonostante avremmo preferito la sera (anche per non far morire di caldo i nostri invitati!), abbiamo optato per il pranzo. In questo modo anche chi verrà da altre città (perché ci sposeremo in una terza città diversa da dove abitiamo io e Luca) potrà tornare a casa.




La scelta della location

Chiaramente ristoranti, ville, castelli sono le location più gettonate ma anche le più costose. Perché non scegliere una location (in perfetto stile rustico chic) come un agriturismo o una trattoria. Sono certa che i vostri genitori saranno contrari perché sembrerà "poco elegante", in realtà ci sono moltissimi agriturismi e trattorie belle ed accoglienti, inoltre si mangia divinamente! Al posto di un ricevimento formale optate per una soluzione alternativa, ad esempio un brunch, un happy hour, un barbecue in giardino (questa opzione sarebbe piaciuta moltissimo al mio futuro suocero!) o un picnic nel parco, oppure un ricevimento con alimenti a Km0. Ci sono davvero tante alternative originali che vi basterà trovare quella perfetta per voi.

Anche in questo caso noi chiaramente siamo andati controcorrente (e meno male che dovevamo darvi consigli low-cost), ma organizzando un matrimonio con lo sponsor, la fortuna ha voluto che la location perfetta per il nostro ricevimento fosse il ristorante Checco dello Scapicollo (QUI troverete un'anteprima video della location).


Lista degli invitati

Sappiate che questa è la voce che inciderà di più sul costo del vostro matrimonio, dal momento che è collegata al ricevimento, quindi al cibo, quindi ai posti a sedere. Selezionate con molta cura i vostri invitati, scegliendo solo i parenti più stretti e gli amici più cari. Eliminate (se vi è possibile) gli inviti di circostanza e limitate i posti solo a chi tenete veramente, a chi desiderate avere al vostro fianco. Tuttavia, se non volete (potete) rinunciare ai grandi festeggiamenti, potreste dividere il ricevimento in due parti: pranzo o cena con le persone più care e aperitivo o taglio della torta con amici e conoscenti.

In questo caso diciamo che più o meno ci siamo attenuti al consiglio che vi stiamo donando. Chiaramente noi non siamo tipi da pochi intimi ma amiamo i grandi festeggiamenti, nonostante ciò abbiamo scelto con molta cura i nostri invitati! Non abbiamo diviso il ricevimento, bensì abbiamo organizzato una seconda festa (sempre grazie ad uno sponsor) che si terrà presso Il Casale del Sole .


Gli addobbi floreali


Scegliete i fiori per il bouquet e le decorazioni in base alla stagione in cui vi sposerete, in questo modo potrete risparmiare circa il 30% del vostro budget. Se nella Chiesa in cui avete deciso di sposarvi nello stesso giorno si celebreranno altre nozze, accordatevi con le altre coppie in modo da dividervi la spesa. Un'altra alternativa è noleggiare le piante fiorite.

Noi non abbiamo ancora pensato ai fiori, in realtà siamo alla ricerca di uno sponsor, ma sicuramente ci baseremo sui fiori di stagione, che a mio parere sono bellissimi!




Le fotografie


L' ABC del matrimonio low-cost dice che per risparmiare sul budget delle nozze, la voce del fotografo si può tranquillamente sostituire oppure chiedere al fotografo di svolgere un servizio ridotto, ovvero chiedendogli di riprendere solo i momenti salienti della cerimonia e poi lasciare il compito agli ospiti durante il ricevimento. 

Riguardo questa voce noi non abbiamo badato a spese, sapete perché? Le foto vi resteranno per sempre e anche quando avrete 70 anni sfoglierete quell'album in presenza dei vostri nipoti, ricordando tutte le emozioni vissute nel giorno più bello della vostra vita, perciò su questa voce, secondo me, non si può risparmiare!

Anche in questo caso siamo stati fortunati e abbiamo trovato il nostro sponsor, perciò del nostro servizio fotografico se ne occuperà Emiliano Allegrezza mentre per quanto riguarda il video, ci penserà il nostro carissimo amico Andrea, che fa dei video davvero originali e divertenti.



La musica

Se celebrerete le vostre nozze in Chiesa, vi consigliamo di non affittare un musicista per l'occasione, bensì affidatevi al coro della Parrocchia in cui vi sposerete, scegliete i canti insieme a loro e fidatevi che saranno mille volte meglio! Mentre per la musica al vostro ricevimento, riservatevi la musica dal vivo e l'animazione per la festa (post-ricevimento), optate per una vostra playlist caricata su un ipod o pennetta usb da ascoltare durante il banchetto.


Per la musica in Chiesa ci penseranno i nostri amici più cari e insieme a loro scegliere i canti, mentre per il ricevimento ancora ci stiamo organizzando, ma anche in quel caso ci penseranno dei nostri amici che animeranno la festa.



L'abito da sposa

Un'altra voce che pesa sul budget delle nozze è sicuramente l'abito da sposa. Generalmente le spose sono poco propense a "tagliare" sul costo dell'abito, tuttavia è possibile valutare più opzioni: acquistarlo in un outlet di abiti nuziali; comprarne uno vintage; noleggiarlo; farselo cucire su misura da una sarta. Per quanto riguarda le scarpe scegliete un paio che non appartiene alle collezioni da sposa, ma affidatevi ai classici negozi di scarpe (magari non optando per il classico bianco!).

Per quanto riguarda il mio abito da sposa, anche in questo caso se ne occuperà uno sponsor e sarà la stilista Samira Carletti , mentre per le scarpe opterò per un negozio locale e quasi sicuramente non saranno bianche (è estate diamo un tocco di colore e originalità!). Un'altra alternativa, poco conosciuta, che vorrei segnalarvi per risparmiare sul vostro abito da sposa, è l'iniziativa avviata presso il Monastero di Santa Rita da Cascia a Cascia, QUI vi lascio l'articolo per avere maggiori informazioni.


Voi quali consigli avete?



You May Also Like

0 commenti